Divisori low cost per gli ambienti

Divisori low cost per gli ambienti

Vivete in un appartamento che soddisfa le vostre esigenze dal punto di vista delle dimensioni, della zona, dei servizi pubblici, ecc., ma per motivi estetici o di privacy vorreste creare qualche suddivisione in uno o più ambienti, per adattare meglio gli spazi alle vostre esigenze abitative?

Se non potete farlo con opere murarie, perché siete in affitto e il proprietario non vi permette di apportare modifiche definitive o perché dovreste affrontare lavori edili troppo impegnativi o costosi, vi proponiamo qui alcune soluzioni alternative.

 

Tende divisorie

Sgabuzzino. L’ingombro di una porta sostituito dalla tenda in ciniglia

LE TENDE

Per sfruttare una nicchia come sgabuzzino, mascherare l’angolo cottura di un monolocale, creare una cabina armadio, rendere più riservato il soppalco che ospita un letto, le tende in tessuto sono una risorsa tradizionale ma sempre valida. L’alternativa sono le tende in ciniglia, anche queste in colori a piacere, o le  tende a veneziana di PVC, alluminio o legno, che si possono ordinare nelle misure più svariate nei centri di bricolage: entrambi i tipi permettono di mascherare completamente lo spazio retrostante.

Se invece si vuole soltanto creare uno “stacco” visivo tra due zone di uno stesso ambiente andranno bene le tende a fili, disponibili in tutti i colori dell’arcobaleno o addirittura argentate, dorate o brillantinate per ottenere effetti molto originali.

Le tende a pannello possono essere installate a soffitto o a parete con binari da ancorare mediante semplici viti a espansione. Quelle fisse rappresentano la soluzione più economica e consentono di sbizzarrirsi in quanto a colori, disegni, dimensioni. Un ampio assortimento di questa tipologia di tende è offerto ad esempio da IKEA e da grandi centri di bricolage come Leroy Merlin.

 

Tenda a fili

La tenda turchese a fili crea una gradevole separazione tra la zona salotto e la zona pranzo

Tenda a fili

Monolocale. In primo piano uno scorcio del divano, accanto al quale la tenda a fili fuxia separa il soggiorno dall’angolo cucina

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tenda a pannelli

                           Il divisorio creato con una tenda a pannelli

 

 

Quelle scorrevoli a bande verticali sono formate da un numero variabile di pannelli che scorrono lateralmente su di un binario e possono essere movimentate manualmente o meccanicamente. Sono più costose di quelle fisse ma si prestano alla creazione di scenografie molto eleganti.

 

 

 

 

Divisorio sospeso

Divisorio sospeso con elementi in plastica a forma di rosa disponibile in vari colori

I DIVISORI SOSPESI

Si tratta di separé attaccati al soffitto, anche questi validissimi per ottenere un effetto vedo-non vedo che scandisce gli spazi senza chiuderli. In genere sono composti da elementi di varia forma e colore in plastica rigida, bambù o carta e risultano molto scenografici anche perché si prestano alle più svariate combinazioni: il limite sarà soltanto la vostra creatività.

 

 

Divisorio con anta scorrevole

Elemento divisorio Brooklin con armadio ad anta scorrevole

 

LE LIBRERIE BIFACCIALI

Questa soluzione non è adatta per spazi molto ridotti, ma se l’ambiente è abbastanza ampio consente di unire l’effetto divisorio con la disponibilità di contenitori aggiuntivi: scaffali, cassetti, scatole, sempre utili per riporre i tanti oggetti che creano disordine se vengono lasciati a vista.

 

 

 

 

Libreria bifacciale

Libreria bifacciale Montreal

Libreria bifacciale

Libreria bifacciale Arredaclick

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Divisorio mattonelle Clicbloc

Divisorio realizzato con mattonelle Clicbloc

MATTONELLE CLICBLOC IN POLICARBONATO

Probabilmente si tratta del sistema più pratico e veloce per creare spazi separati in un ambiente. Queste mattonelle trasparenti di Decor Italy, incolori o colorate, sostituiscono egregiamente il classico vetromattone, che richiede una messa in opera analoga alla muratura. Hanno le stesse dimensioni e lo stesso aspetto, ma sono 5 volte più leggere, molto meno fragili del vetro e per posarle non occorre alcun materiale edilizio. Sono infatti costruite in modo da unirsi facilmente ad incastro e consentono di creare pareti divisorie sia dritte che curve, di qualunque dimensione.

Divisorio basso in mattonelle Clicbloc

Divisorio basso con mattonelle in policarbonato Clicbloc

Un altro grande vantaggio, rispetto al vetromattone, è rappresentato dal fatto che queste pareti si possono smontare e poi rimontare altrove con la stessa facilità con cui sono state posate la prima volta.

In vendita on-line anche su eBay e Amazon, costano poco più di 110 € a metro quadrato; questo video ne illustra chiaramente la posa.

 

 

21/12/2015

——–

HAI TROVATO INTERESSANTE QUESTO POST?

NELLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK PUOI LEGGERE TANTE ALTRE INFORMAZIONI SUL TEMA DELLA CASA E NOTIZIE SULLA CITTÀ DI MILANO: SOSTIENICI CON IL TUO “MI PIACE”!

 ——–

Lascia un commento

Ci impegniamo al massimo per fornire in questo Blog informazioni autorevoli e documentate, ma purtroppo

non ci è possibile rispondere a quesiti specifici dei nostri lettori.

Gli esperti di Filcasa potranno fornire soltanto pareri di carattere generale su questioni di largo interesse e non affrontare singole problematiche eventualmente segnalate nei commenti. Ci auguriamo che questa risorsa possa comunque risultare utile a chi desidera essere aggiornato su temi inerenti al mondo immobiliare.